La catastrofe…

Ho atteso un paio di giorni prima di scrivere qualche cosa sul disastro nel sud-est asiatico, veramente una tragedia la cui dimensione, credo, non è ancora ben definita e purtroppo il numero di vittime sarà gigantesco. Non ci sono parole per commentare accadimenti del genere, solo un grande senso di impotenza di fronte alle forze della natura e un dispiacere enorme per quelle popolazioni già così spesso martoriate da altre catastrofi che hanno subito questa ennesima batosta. Continua a leggere La catastrofe…

Auguri

Per due o tre giorni non credo ci saranno nuovi post, sarò a Milano per le feste e anche se mio fratello ha una bella linea ADSL non so se avrò tempo, voglia o motivo per scrivere qualchecosa.

Un augurio ai miei 2 o 3 lettori di un sereno Natale.

Colori e pennelli

Su Slashdot oggi appare un articolo che parla di Paint.NET, un programma di disegno pittorico solo per utenti Windows XP, caratteristiche? La prima e più importante: è completamente gratuito.

Sviluppato presso la Washington State University con il supporto di Microsoft, utilizza come linguaggio di sviluppo C# con le estensioni grafiche GDI+, giunto alla versione 2.0 è in continuo sviluppo e vuole costituire una possibile alternativa al ben più famoso GIMP.

Lo sto scaricando ora, nonostante la mia misera connessione GPRS, se poi ne varrà la pena, dopo averlo provato, ne scriverò ancora, non aspetttevi però di vedere qualche mia “opera” con il programma in questione, ho già espresso il mio massimo con il logo di questo Blog, l’artista che dovrebbe esserci in me dopo 42 anni continua a nascondersi e bene :)

Statistiche

Leggo via Googlenews sul sito Ansa: Istat, disoccupazione al 7,4% – l dato è il più basso dall’inizio delle serie storiche nel ’92

Domanda: allora perchè a 42 anni da quasi 18 mesi dopo 20 anni di informatica non riesco a trovare uno straccio di lavoro in qualsiasi settore?

Ovvio… una volta erano i 50enni oggi già i 40enni sono da rottamare… :(

L’abito fa il Blog?

Stamane spulciando fra i vari feed che seguo, leggo su Pandemia di Kaleibloscope, un nuovo modo di scoprire il mondo dei Blog e casualmente proprio stamattina vedo dalle statistiche che Kaleibloscope è passato di qui.

Sino ad oggi io, ma penso un po’ tutti, ho trovato nuovi blog che poi magari ho sottoscritto, con ricerche su vari motori di ricerca specializzati e non, per passaparola o saltando di blog in blog seguendo i link che, siti che ci sono piaciuti, ci propongono. Kaleibloscope invece ci invita a curiosare l’universo blog scegliendo quali siti visitare semplicemente guardando le miniature delle loro homepage basandosi quindo solo sul loro “appeal” grafico.

Forse inutile, ma sicuramente un’idea originale … che poi il bell’abito faccia anche un bel blog è un altro discorso no?. :)

10, 100, 1000 stickers

Quasi ogni blog ha qualche sticker, quei piccoli pulsantini, quei minibanner, che vedete anche nel mio menu quì a destra, ecco un sito che ad oggi ne raccoglie oltre 2700 e dove potete inviare quelli che avete trovato in giro o che avete realizzato personalmente per il vostro sito, ecco il link:

http://www.gtmcknight.com/buttons/

Inoltre troverete i link alla pagina di Bill Zeller che ha creato un programma che permette di creare questi pulsanti e sul quale Adam Kalsey ha creato una comoda interfaccia con la quale potete creavi al volo i vostri sticker

Upgrade

Non ero soddisfatto dell’aspetto del sito e quindi mentre passavo alla beta di WordPress 1.3 ho deciso di cambiarlo, è una elaborazione di uno dei temi più diffusi per WordPress: Kubrick, l’ho rimaneggiato un poco, ho implementato delle cose carine che avevo visto in giro (ne farò un post dettagliato nei prossimi giorni) ed ecco il nuovo tema.

Siccome alcuni amici mi avevano segnalato la scarsa leggibilità dello sfondo rosso son passato ad uno sfondo bianco per i testi, effettivamente appare più leggibile .

Winter is coming to town

Parafrasando la famosa canzone natalizia (poi siamo anche nel periodo giusto) il freddo pare “finalmente” arrivato. Dico finalmente perchè a me piace il freddo, piace l’uggiosa cupezza delle nuvolose, fredde e magari nebbiose giornate autunnali e invernali.

Stamattina il freddo era l’argomento principe, sia mentre ero nella sala d’attesa del dottore, sia quando ho comprato il giornale, sia al bar, sia con il meccanico che mi cambiava l’olio alla macchina.

Quest’anno l’inverno è arrivato tardi, l’anno scorso qui nelle colline acquesi aveva già nevicato, e sinora non è neppure un freddo eccessivo quello di quest’anno, ma finalmente la mia depressione non si deprime ulteriormente quando la mattina mi sveglio e vedo che sta per spuntare un sole pronto a darci una tiepida giornata invernale…