Strike back

Si devo reagire… o meglio l’ho deciso da qualche tempo, la fine di uan relazione di due anni, la fine di un lavoro, l’inizio di cose nuove, ma sopratutto la voglia di affrontarle in maniera diversa da prima, cercando di apprezzarne le cose belle, reagendo a quelle brutte con un leggero distacco che faccia si che non si arrivi a drammatizzare inutilmente le cose facendosi ansie e paranoie che alla fine fanno star male ma non contribuiscono al risultato finale in alcun modo.

C’è anche la voglia di tornare a scrivere qua, parlare del nulla a volte o accennare a cose profonde, o forse solo cazzeggiare. Non lo so ancora… e non so nemmeno se il proposito durerà, tanto i pochissimi lettori si sono rassegnati o sono spariti.

Sto facendo alcune scelte, personali, intime, anche per me sorprendenti, come lo sperimentare, da ateo ancora una religione che è quasi una non religione, come il bhuddismo… perchè le loro “terapie di gruppo” sono stimolanti, e poi aiutano a socializzare uno come me che ha l’istinto dell’orso solitario… e chissa che cambi nuovamente il motto del sito e diventi più 2.0 anche perchè ho scelto di sfruttare ogni occasione possibile… perchè alla fine poi sto bene.

Scrivere questo dopo due giorni di depressione pare quasi stupido, quasi una voglia di darsi la forza da soli, ma non è proprio così, si forse scrivere queste cose oltre che pensarle aiuta, ma è più una forma di impegno (da disattendere poi già fra tre giorni) con se stessi… vedremo…

Saluti a chi mi legge :)

4 commenti su “Strike back”

  1. Salve finalmente mi trovo con Italiani!
    Da tempo cerco di realizzare in WP, ma vedevo solo amici dall’estero che condividevano i loro siti.
    Sono contento ora ,di trovare un forum italiano ,spero di condividere meglio ed imparare anche…Grazie
    In generale rifletto su siti già costruiti e mi piace l’arte , la fotografia,imparare il linguaggio con codici CSS,HTML..bon da” cosa nasce cosa” credo sia un buon motivo..
    colgo l’occasione per salutare e ringraziare

  2. Saluti anche a te Steve e, se può consolarti un po’, sappi che non sei l’unico che sta vestendo questi scomodi panni.
    Prima o poi (ma sicuramente MOLTO PRIMA!) verranno tempi migliori!
    Un abbraccio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *