PACSchi….

Uffa che palle sta storia dei PACS… da ateo laico libertario e liberare sta cosa non mi piace, per nulla. Il matrimonio esiste come forma puramente giuridica di unione, slegato dal lato religioso, quindi se uno vuol convivere e non sposarsi fatti suoi, ma non può prentedere nulla di più che alcune “facilitazioni” in ambiti puramente personali, che ne so assistenza del compagno in ospedale e subentro in affitti ad esempio, il resto è in gran parte regolabile per altre vie, es. un bel testamento.

Non si è daccordo sul matrimonio civile.. fatti vostri. Ora ovviamente mi si obbietterà, ma le coppie gay o lesbo? E se uno convive mentre è ancora sposato. Beh sempre da libertario e liberale vedo la soluzione estremamente semplice. il matrimonio civile viene ampliato anche a coppie del medesimo sesso, il divorzio si rende più semplice economico e soprattutto veloce… semplice.

Non servono altri riconoscimenti giuridici come i PACS, in uno stato laico esiste una forma di unione che è il matrimonio civile, si applica quello chi non gli sta bene… beh sa che deve rinunciare a qualche cosa punto!

Ovvio che non lo si fa, perché? Perché metà del mondo politico sarebbe contrario, ma siamo sicuri lo sia metà del mondo elettorale? I padri costituenti, sono stati dei fessi coi referendum, qui un bel referendum popolare che valuti la volontà popolare sarebbe la soluzione, e son convinto che passerebbe anche. Non venitemi a raccontare che ci sono i parlamentari a rappresentare la volontà popolare, primo perché nessuno può davvero avere idee corrispondenti sempre alla maggioranza del suo elettorato, secondo perché tanto non vi è nessun vincolo con gli elettori.. quindi…

Sono troppo rivoluzionario? Forse.. ma questa è la sola via giusta per fare sta cosa.. il resto sono ignobili pezze che fan solo polemiche e a cui poio verranno messe altre pezze e poi altre e così via.

I PACS sono al momento solo un metodo comodo per avere i vantaggi (che ne so pensioni di reversibilità eredità etc) ma con la possibilità di prender la porta in qualsiasi momento senza problemi.. eh.. troppo comodo, si vuole certe libertà? Se ne paghino anche certe conseguenze punto!

3 commenti su “PACSchi….”

  1. Posso dire anch’io la mia? Sono d’accordissimo!
    Lo Stato è laico (!!!) ed esiste già il matrimonio che si potrebbe estendere.
    Per lo stesso motivo non capisco perchè non dovrebbe esserci anche la poligamia.
    …e soprattutto non tollero la Chiesa che predica l’amore, ma solo secondo le SUE regole! :-(
    ps: fossi in te, i commenti su fondo scuro li metteri con testo chiaro (oppure un fondo meno scuro).
    ciao

  2. Usiamo i termini appropriati, uno non può essere liberista E libertario allo stesso tempo:

    http://it.wikipedia.org/wiki/Libertarismo

    http://it.wikipedia.org/wiki/Liberismo

    Detto questo, il matrimonio non è altro che una forma giuridica di “contratto”, quindi, facendo la trasposizione con i contratti sugli immobili, se esistono le Nude Proprietà, gli Usufrutti, le Piene Proprietà, ed esistono compravendite, donazioni, successioni, divisioni, servitù e mille altre forme di trasferimento della proprietà, per quale motivo ci deve essere una sola forma di legame contrattuale tra individui?

  3. E invece sembra che non si farà non dico il grande passo (matrimoni per i gay) ma neanche il piccolo passo (PACS per i gay). Si faranno i PACS solo per le coppie etero non sposate che vogliono pararsi il culo senza assumersi gli oneri del matrimonio civile. La solita italica pugnetta per far vedere che si fa qualcosa senza di fatto fare nulla. E lo dico da convivente etero che sta meditando di sposarsi ma forse non lo farà se ci sono i PACS…

    Segnalazione Bug (o feature ;-): in IE6 quando si clicca nella TA del commento, questa si allarga oltre il margine destro.

    PS: hai un nuovo lettore (io).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *