Nebbie

Nebbia fra le colline, il sole è spuntato solo verso mezzogiorno, e nebbia dentro di me. Una di quelle notti in cui dormi, magari ti svegli due o tre volte, e riaddormentarsi è una angoscia, mille pensieri ti riempono la testa, finalmente ti riaddormenti, un sonno profondo, ma agitato e poco riposante. Infatti al mattino ti risvegli di colpo, con quella sensazione di paura e tristezza infinita e con la sensazione di aver dormito e non riposato.

Il tuo corpo impiega più del solito ad “avviarsi”, vorresti girarti dall’altra parte e riaddormentarti ma non lo fai. ti alzi, non hai molto da fare, le solite cose di routine, guardare i cani, ritirare le ciotole, portare un po’ di legna per il camino.

Poi accendi il PC, con la solita penosa connessione GPRS (l’ADSL qui arriverà nel 2050), nessuna novità fra le email, scorri i siti degli annunci di lavoro e rispondi ad un paio di annunci che sembrano “cercarti”, è da prima di natale che non c’era nulla a cui rispondere, ma tanto dentro di te sai che anche a questi non avrai risposta, ne una striminzita email ma nemmeno un colloquio. Ooramai ti accontenteresti anche solo di un colloquio, almeno quello, ma no, pare che tu sia inesistente, forse troppo vecchio per il mondo IT, hai ben 42 anni, e qui il 90% degli annunci vuole under 32 con 3248 conoscenze magari pure laureati, ed ovviamente con esperienza. Il tutto magari per un contratto a progetto di 2 mesi rinnovibile… e ti chiedi a chi poi vadano questi posti. Quanti sono i “super geni” che rispondono ai requisiti cercati, pochi credo molto pochi forse nessuno, non possono aver avuto il tempo per imparare tuto quello che vorrebbero questi “cacciatori di geni” ed avere anche avuto una vita.

Poi gironzoli nel web, guardi i feed che segui abitualmente, i newsgroup e cerchi di far si che il tuo cervello si concentri su tastiera e video per non pensare, per non lasciare che l’angoscia e la depressione ti prenda per mano e ti trascini in fondo alla caverna, funziona, ma appena ti alzi dalla tastiera ecco che la caverna è sempre lì.

Non avevo voglia di scrivere nulla oggi, ma poi mi son detto magari ti aiuta, ti scarica… chissà.. forse.. vedremo, per ora mentre scrivo non sento di sfogarmi per nulla, prenderei a martellate ogni cosa intorno a me e poi anche la mia testa sino alla fine……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *