Perbacco…

Prodi mi ha preso alla sprovvista, la manovrina ha da un lato fatto fare un brutta figura a lui ed al di lui “Schioppo”, se come detto nelle settimane scorse i conti erano un disastro, che la situazione era drammatica e titim e tatam, non si capisce allora perché non sia arrivata la mazzata, ma anzi.. se i soldi mancavano non è che non si poteva non trovarli.

Certo è stato sorprendente invece la serie di operazioni di stampo liberista, non me lo sarei proprio aspettato, mi ha sorpreso, ma piacevolmente, non mi ha sorpreso, invece, e pure in maniera spiacevole la risposta del centro destra, le operazioni liberali dovrebbero essere salutate positivamente, al massimo si poteva criticare di aver lasciato altre zone scoperte sollecitando ad liberalizzare ancora di più.

Invece no, si difendono i tassisti, ok avran pagato la loro licenza una cifra, cosa oltretutto illegale, questo vuol dire che dobbiamo tenerci pochi taxi e tariffe da ricchi? Delle banche che piangono non me ne può fregare meno, idem per i farmacisti, la ma destra no, parla di regolamento dei conti con determinate categorie, difendono cosa? una “manciata di voti” ? Stile vecchia DC, preoccupatevi invece dei vostri elettori dipendenti che se andate avanti così finiranno per votare a sinistra.

Come sempre i politici italiani si distinguono per miopia e incapacità, ne azzeccano una e ne sbagliano quattro… mah!

PS: Ma le tariffe dei taxi sono tariffe massime? O Tariffe obbligatorie? Nel primo caso oltre a più taxi avremo prezzi migliori nel secondo invece cambierà nulla.

Un commento su “Perbacco…”

  1. Premetto che penso di essere “politicamente schierato” dalla parte opposta alla tua, ma a me piace il “dialogo” quindi trovo interessanti alcune tue considerazioni che voglio commentare:

    1)dimensioni della manovra
    Non mi piace l’osservazione della CdL, e anche tua, sul fatto che “prima si è gridato alla catastrofe dei conti” e poi si fa una “manovrina zanza”. I conti sono quello che sono, basta fare un giro con google alla ricerca dei “dati veri” e scopri come stiamo messi, qui non si tratta di “buco” si tratta di “arginare” l’effetto esponenzialmente “esplosivo” di alcune cose che il precedente governo ha messo in campo:
    a)condoni e concordati fiscali
    b)cartolarizzazioni degli immobili statali (li abbiamo venduti, tra l’altro a quattro soldi, ma ora ministeri ed enti devono pagare l’affitto e questa è tutta *spesa corrente*
    c)aiuti assurdi in settore inutili (vedi digitale terrestre); e poi che non ha ancora la banda larga.
    Quindi il “buco” oltre quello che c’è è quello che si crea giorno per giorno a seguito della politica economica scellerata messa in campo negli anni addietro (e non solo dal governo Sivlio).

    Il punto su cui ti voglio far riflettere è un altro:
    qui non occorre “prendere i soldi dalle nostre tasche” per tappare il buco di oggi, qui occorre capire come fare a “tappare il buco di domani” perchè c’è una “trivella avviata da alcune follie passate” che è difficile da fermare. Ma VA FERMATA !

    Tu pensi seriamente che una manovra “tutta sangue e dolore” risolva il problema di oggi e di domani ?
    Io penso di no, bisogna agire altrove e mi fa molto piacere che questo *mio* governo ha iniziato proprio da questo punto rinviando a dopo la “manovra una tantum tutta sangue e dolore” e secondo me ha fatto troppo poco, si, da uomo di sinistra penso che si poteva fare di più.
    Qualche esempio:
    -un vero “conflitto d’interessi” tra fornitore e consumatore, se non mettiamo in condizione il consumatore di “guadagnare” dal corretto comportamento fiscale del fornitore non sradicheremo mai l’evasione fiscale.
    -l’abolizione *totale* delle caste inutili che bloccano il mercato e scaricano solo i costi sui consumatori. Mi spieghi a cosa serve per esempio, oggi, una farmacia ? i farmaci da banco li puoi comprare al supermercato, quelli con ricetta li potresti anche comprare da un distributore automatico (non ho mai visto un farmacista obiettare sul contenuto di una prescrizione mutuabile). Il farmacista che “prepara i farmaci” non esiste più e quindi non serve più la farmacia.
    -mi spieghi perchè i notai devono essere in numero pianificato ?
    -mi spieghi perchè i taxi devono essere in numero pianificato ?
    -mi spiegni perchè il numero delle concessioni per il mondo delle utilities (acqua, luce, gas, comunicazioni) deve essere “pianificato” ?

    …forse per garantire rendite di posizione ?

    MI spieghi perchè le banche possono anche fare “magazzino titoli” in questo avendo creato nei fatti i più grossi e dannosi scandali cirio e parmalat ?

    2)posizione della CdL: in due parole “non la capisco” cosa c’è di illiberale nel contenuto delle ultime decisioni di questo governo ?
    Sono d’accordo con te: li immaginavo li a dire che “era poco”, “era poco” e invece giù a costruire barricate per difendere i diritti acquisiti di poche e “inutili” caste. boh, non me l’aspettavo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *