Giganti d’argilla e piedidolci

Ecco l’ONU non sta decidendo nulla, non arriverà ad una risoluzione chiara, manderemo 15.000 soldati a fare non si sa che, visto che non verrà dato mandato di disarmare ezbollah, saranno li a fare da cuscinetto, insomma come tante altre volte il gigante dai piedi di argilla ha una capacità di imposizione e risolutiva prossima a zero.

In ogni caso il prode Prodi dice che gli italiani non disarmeranno ezbollah, che occorre una soluzione politica, che è un bel modo per tener buoni i compagnucci della sinistra estrema e per non dire nulla, visto che come sempre dopo la bella frase, soluzione politica, non segua mai una proposta concreta, visto che non esiste ne è possibile.

Equilibrismi, mezze parole, dire tutto per nond ir nulla, mostrarsi sorridenti con esponenti di ezbollah e poi telefonare di soppiattto a Israele ed USA confermando il nostro sostegno per una soluzione del problema. Insomma la solita politica da cioccolatai, ultimo acuto d’estate prima di buttarsi sulla finanziaria dove se ne vedranno di cotte e di crude e dove l’equilibrismo prodiano darà il suo meglio candidandosi come vincitore del clown d’oro al prossimo festival del circo di Montecarlo categoria equilibristi.

I francesi si defilano, altri ci stanno pensando perchè vedono che come spesso accade l’ONU parla tanto ma conclude poco o nulla e laggiù si rischia di finire con una figuraccia e magari si starà laggiù una decina d’anni, tanto se vi sono osservatori ONU dal 1958, non ci sarebbe da meravigliarsi….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *