Pacchi di carta

Certo che i servizi di Report su Rai3 spesso sono delle rivelazioni, che basta avere due politici che mettono una firma o fare una coop o risultare collegati ad un movimento (non un partito) politico, esser collegati ad un partito o semplicemente stampare un giornale ti faccia avere soldi a palate non lo sapevo.

Immaginavo che i giornali di partito fossero sovvenzionati in qualche modo, ma non così, se poi scopri che quotidiani ad altissima tiratura e che fanno utili, come il sole40ore, hanno rimborsi per di ridurre le spese postali, elettriche e telefoniche e che sino a poco tempo fa vi era pure un contributo sulla carta.. beh mi ha “schifato”.

Rispetto al passato oggi non compro il giornale tutti i giorni per la sola pigrizia di dover fare 5km in macchina per comprarlo… ho l’impressione che dopo aver visto quel che ho visto i miei consumi caleranno ancora!

Da liberale e liberista son dell’idea che se un giornale non ha lettori sufficienti chiude punto e stop, perchè se io produco sacchetti, spazzole o che ne so, tubi di plastica o sto sul mercato o chiudo e loro no? Ah già ma così si garantisce la pluralità dell’informazione… ed io pago!! Ed io pago!!

Perchè in ste cose non ci adeguiamo all’Europa, di cui tanto piace riempirsi la bocca ogni volta possibile? Solo noi e la Francia abbiamo questi finanziamenti, vogliamo dire che in Inghilterra, Germania, Spagna o Fillandia hanno meno libertà perché i giornali o si mantengono o chiudono? Non diciamo cazzate!!!!

Un commento su “Pacchi di carta”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *