“Egoismi” burocratici

Domenica sono andato a Milano, ospite di mio fratello, per un impegno “obbligatorio” il lunedì successivo, ora che uno debba andare e venire per una cosa di 10 minuti , ok, che nei mesi precedenti si sia dovuto fare altri viaggi per attività burocratiche che avrebbero dovuto essere definitive,ma che poi il giorno dopo, martedì, uno venga chiamato per una, forse finale, attività burocratica da svolgersi ancora a Milano, costringendo a fare avanti e indietro con costi forse per molti piccoli ma che in questo periodo sono comunque significativi fa semplicemente incazzare!

Tanto alla burocrazia, qualsiasi sia il suo settore, importa qualche cosa? Quando mai! Quando accadono queste cose mi pento quando 10 anni fa meditai di trasferimi all’estero, avrei dovuto farlo cazzo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *